Realizziamo una candela

Oggi proviamo a realizzare una CANDELA con cera d'api.

Ho scelto la cera d’api perché è profumata naturalmente, è naturale e la luce che produce la fiamma è molto più calda di quelle fatte con la paraffina.

OCCORRENTE PER 1 CANDELA:
2 fogli di cera d’api misura circa 30X36 circa
Un pentolino di ferro
Un pennello
Due stampini
Un pezzo di spago

PROCEDIAMO:
Spezzettiamo la cera con le mani direttamente nel pentolino, accendiamo il fuoco a fiamma bassa, una volta che la cera è sciolta versiamone circa 2cm nello stampo (io ho usato un contenitore di quelli da frigo) per una candela ne servono due parti.

Per la decorazione prendiamo uno stampino da dolci a forma di fiore, di quelli di metallo o plastica chiusi, versiamo la cera quasi a livello.

Quando la cera è pronta per essere tolta dagli stampi si capisce perché ai bordi si stacca da sola, e magari aspettiamo che gli stampi si siano raffreddati.

Ogni tanto mescolate la cera nel pentolino perché non si rapprenda velocemente.

Non dimenticate di immergere totalmente lo spago nella cera e mettetelo ad asciugare su di uno scottex.
 
Una volta che avremo tutti i pezzi pronti assembliamo la candela, come?

Scaldiamo la cera rimasta, se non ne è rimasta prendiamo un altro pezzetto, poca perché ci servirà solo come collante.
Intingiamo il pennello nella cera fusa e molto velocemente spennelliamo al centro dove andremo ad attaccare lo spago facendolo uscire minimo 2 cm, ci servirà per l’accensione.
Spennelliamo l’altra parte dello stampo e attacchiamo le due parti.

Ora passiamo ai due stampi dei fiori, stesso procedimento; col pennello immerso nella cera spennelliamo il fiore e attacchiamolo alla candela, uno da un lato e l’altro dall’altro e il gioco è fatto.

n.b. se la cera non dovesse staccarsi, mettete lo stampo in frigo un paio d'ore e vedrete che si staccherà senza rompersi.


Questo "simil tutorial" spero vi sia utile.

Non ho ancora pensato come confezionarla, appena trovo qualche buona idea ve la propongo.

Baci e buona giornata

Creazione e foto: Marzia


Photobucket Condividi

10 commenti:

  1. Ciao Marzia carissima,
    Che belle le candele fatte in casa!
    BRAVA ti sei spiegata benissimo, GRAZIE!
    Prima o poi anch'io mi cimenterò in questa tecnica.
    Bacioni,
    Marina

    RispondiElimina
  2. Brava mi sembra anche di sentirne il profumo....un dolcissimo bacio
    chicca

    RispondiElimina
  3. CIAO MARZIA SEI UN GENIO DI LUCIDITA',OTTIMA SPIEGAZIONE E BELLE FOTO DAVVERO,,HO CAPITO PERSINO IO AL PRIMO COLPO O ALMENO CREDO.HAI FATTO 2 PARTI UGUALI E POI LO STOPPINO LO HAI CHIUSO A MO' DI IMBOTTITURA X PANINO??!!!!!!BACIONI TARTA SMAKKKKK ELE

    RispondiElimina
  4. Brava Marzia...anch'io per il passato ho fatto le candele, che ho regalato in occasione del Natale...ma con la solita paraffina che poi profumavo...ma la tua spiegazione è ottima!!!:-) e sicuramente sono più profumate!!!..Adoro la cera d'api!!..Complimenti..^_____^..baciottoni e buon lavoro!!!

    RispondiElimina
  5. ciao Marzia,grazie mille ... come sempre sei bravissima nel dare le spiegazioni... un bacione grande grande Paola

    RispondiElimina
  6. Che bello e sembra anche semplice semplice!! Sarà dura trovare i fogli di cera? Io ho sempre usato candele bianche dell'ikea da sciogliere e risolidificare!
    Bacioni!!!!

    RispondiElimina
  7. Bravissima e molto bella la forma,ma i fogli di cera? Io faccio una prova con una candela per vedere se ho ben capito .. CIAO RO'

    RispondiElimina
  8. bella , molto semplice e dettagliata la tua spiegazione, altre idee e forme in vista ???? ciao barbaraS

    RispondiElimina
  9. Certo che le candele hanno un certo fascino e realizzarle in casa è molto gratificante.
    Grazie per le tue spiegazioni molto chiare e dettagliate!
    Baci
    Rosa

    RispondiElimina
  10. hi, new to the site, thanks.

    RispondiElimina

L'arte non imita, interpreta.
Carlo Dossi