Calza di Natale, per...


Per uno scambio a due, io e.... dovevo fare una CALZA DI NATALE, le mie creazioni prima partono da un foglio qualsiasi, anche colorato oppure scarabocchiato o scritto con la lista della spesa, non ha importanza, basta che ci sia spazio per disegnarci sopra, e questo disegno mi ha portata a realizzare la calza sopra fotografata!!

In questo periodo sono stata "rapita" dagli gnometti, i quali ormai finisco ovunque e pure su questa mega calza di Natale, questa l'ho fatta per una persona un pò matta, puntigliosa, testarda... ti riconosci? Una persona molto country, che vede il natale in rosso e non sopporta lo shabby... allora ci sei? 
Ora la dovrò solo riempire di leccornie, balocchi e profumi... mi piace così tanto che stò pensando di farmene una tutta per me!

Spero di non aver fatto errori di ortografia, altrimenti povera me... ciao Ba!!

Scusate se oggi vi ho subissate di foto e lavoretti vari, ma volevo farvi vedere la calza subito, poi per un pochetto non vi disturbo più.... forse....


Le fate
C'era una volta una vedova che aveva due figliuole. La maggiore somigliava tutta alla mamma, di lineamenti e di carattere, e chi vedeva lei, vedeva sua madre, tale e quale. Tutte e due erano tanto antipatiche e così gonfie di superbia, che nessuno le voleva avvicinare. Viverci insieme poi, era impossibile addirittura. La più giovane invece, per la dolcezza dei modi e per la bontà del cuore, era tutta il ritratto del suo babbo... e tanto bella poi, tanto bella, che non si sarebbe trovata l'eguale. E naturalmente, poiché ogni simile ama il suo simile, quella madre andava pazza per la figliuola maggiore; e sentiva per quell'altra un'avversione, una ripugnanza spaventevole. La faceva mangiare in cucina, e tutte le fatiche e i servizi di casa toccavano a lei.
Fra le altre cose, bisognava che quella povera ragazza andasse due volte al giorno ad attingere acqua a una fontana distante più d'un miglio e mezzo, e ne riportasse una brocca piena.
Un giorno, mentre stava appunto lì alla fonte,.... segue

Buona serata di cuore.



3 commenti:

  1. Ma che bella!!! è tenerissima!!! chi la riceverà farà i salti di gioia!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao carissima !!!
    Dopo giorni e giorni di assenza dal web per cause di forza maggiore, riecco anche me!
    Perdonami per la fretta,
    sto correndo come una matta...
    ...ti lascio un grandissimo saluto e ti abbraccio al volo, ho ancora un sacco di contatti da "recuperare" anche negli altri blog amici!
    A presto :-)

    M@ddy

    RispondiElimina

L'arte non imita, interpreta.
Carlo Dossi