Un albero di mano in mano per la Tanzania

 Finalmente posso farvi vedere dove sono andati i soldini che abbiamo raccolto con UN ALBERO DI MANO IN MANO, sono andati in questo paese della Tanzania.
Come noterete, in ogni edificio viene scritto il nome dell'associazione e del singolo che donano soldi, materiale e manodopera.


come potete notare sulle costruzioni viene scritto il donatore fisico o associazione...

 insegnanti e cuoca...

 si lavora sempre nella stagione secca, si costruiscono scuole, chiese, ambulatori...



sapete come fanno a spaccare le pietre? col fuoco....

in un momento di relax, si mangia!!

qui si trasporta il carbone per il riscaldamento in bicicletta

 e anche a piedi...


 ci troviamo in città...


 Padre Guido e la sua Tanzania, appena arriva la stagione secca lui parte...


 ma cosa credete? anche loro col computer vanno alla grande!

 questa è la RICEVUTA DEL VERSAMENTO; quel che abbiamo raccolto servirà per pagare il salario di un mese di un'insegnante...


 GRAZIE DI CUORE

7 commenti:

  1. che bello, è una soddisfazione! sono felice!

    RispondiElimina
  2. Direi che è una esperienza da ripetere. Un abbraccio. Matilde

    RispondiElimina
  3. Bello!! Anzi bellissimo! Si può rifare quando vuoi, e se ci riusciamo si possono coinvolgere molte altre creative!!!
    E brava Tartina mia! Un bacio da qui a lì (Modica-Renazzo).
    Ba.

    RispondiElimina
  4. Ma che bella cosa avete fatto...
    La prox vorrei partecipare anch'io...
    Oggi ho condiviso la parabola del ranocchio, troppo carina!!!
    Bacini

    RispondiElimina
  5. Bene !!! Sono contenta di aver partecipato ! Grazie Marzia dell'impegno che hai messo nel realizzare il progetto...ne valeva la pena ! Sono pronta a ripetere l'esperienza! Bacio

    RispondiElimina
  6. Grazie mille a te! Creare è stato un piacere e a fin di bene lo è ancora di più! Se ce ne sarà l'occasione spero di riuscire a partecipare ancora.
    Baci
    Fede

    RispondiElimina
  7. felicissima di aver contribuito ♥ ! ;)

    RispondiElimina

L'arte non imita, interpreta.
Carlo Dossi