Aggiornamenti sui Giveaway e blog candy...

Gentile Signora Petrucci, immagino che lei abbia questioni più importanti di cui occuparsi, ma mi creda: c'è un mondo in subbuglio nel web ed necessario un chiarimento anche perchè gli stessi legali ai quali alcune di noi si sono rivolte, danno pareri diversi. La questione è questa: se una persona possiede un blog assolutamente non legato a marchi, prodotti, servizi o pubblicità di alcu tipo e si diletta in creazioni handmade e ad un certo punto vuole festeggiare con i suoi followers una ricorrenza (compleanno, compleanno del blog ecc..), organizza un giveaway mettendo in palio una sua creazione che non ha un grande valore, nè a volte è quantificabile questo valore. Se questa persona, che non può creare per esempio 200 oggettini per tutti i 200 followers, ma vuole comunque fare un gesto carino e simbolico, mette in palio una o due sue creazioni e le sorteggia facendo riferimento alle estrazioni del lotto di un dato giorno, è fuori legge? Per quanto riguarda me ed altre amiche del web (perchè di amiche si tratta) questa cosa è paragonabile ad una pesca di Natale, ma per la legge è così? La ringrazio per la risposta che vorrà darci e della quale darò tempestiva comunicazione a tutte le mie amiche followers. Distinti saluti La risposta della signora Petrucci: Premesso che se si parla di pesca, essa può essere svolta solo da associazioni senza fini di lucro o ONLUS, comitati ecc. con le modalità ed i limiti di cui agli articoli 13 e 14 del d.P.R. n. 430/2001 di cui competenti sono i Monopoli di Stato, il Prefetto della provincia ove si svolge la manifestazione o il Sindaco del Comune, quando si organizzano le iniziative da Lei descritte, che hanno i caratteri di un concorso a premio, colui che le fa dovrebbe essere iscritto al Registro imprese perché sui premi dati in palio devono essere pagate le imposte e le manifestazioni a premio, in base all'art. 5 del d.P.R. n. 430/2001, possono essere svolte esclusivamente dalle imprese. In realtà, se però non si acquista nulla per partecipare ed il bene dato in premio ha il valore di mercato non superiore ad euro 1,00, tali iniziative beneficiano dell'esclusione dagli adempimenti di cui al citato d.p.R. n. 430/2001. Qualora invece siano concorsi a premio sottoposti alla disciplina predetta, e il soggetto non è impresa, vi sarà segnalazione alla GdF e all'Agenzia delle Entrate per verificare se tali soggetti svolgono attività di impresa evadendo il fisco. 

Ho fatto un copia incolla, fate girare e speriamo di arrivare ad una soluzione rapida e poco dolorosa... 

per la raccolta firme:
http://www.dimmicosacerchi.it/forum/dubbi-domande-vf372/giveaway-e-normativa-ministero-sviluppo-economico-vt41279.html

tutto prelevato da http://lufantasygioie.blogspot.com/

Buon fine settimana ragazze
 

1 commento:

  1. Bè per come la vedo io.. noi mettiamo in palio qualcosa creato da noi stesse e alla fine è un dono che facciamo in quanto nessuno paga un biglietto o un iscrizione.. alla fine a noi non viene in tasca nulla (per noi intendo tutte quelle che realizzano un blogcandy). perchè non farlo?

    RispondiElimina

L'arte non imita, interpreta.
Carlo Dossi