L'ANGOLO DELLA SCRITTURA...



 
La gabbia d’oro…

Un uccellino trovato ferito durante una passeggiata in un bosco, trovò dimora in una gabbietta nella stanza di una bambina.
Ogni giorno la bambina con l’aiuto della mamma, curava le ferite del passerotto, e poi lo rimetteva nella gabbietta, tutta ripulita, con acqua fresca e mangime.
I giorni passavano, e la bambine era felice di vedere che il passerotto si stava riprendendo, ma il passerotto pensava, al tempo stesso, quando volava felice per i boschi, a guardare le nuvole e correre al riparo quando iniziava la pioggia, il tramonto del sole appoggiato su di un ramo o il sorgere, appoggiato su di un davanzale pieno di bricioline!
Passarono mesi, e la bambina continuava a vedere miglioramenti, ed ogni giorno lo curava, puliva la gabbietta, acqua fresca e cibo sempre pronto, e poi metteva la gabbietta sul davanzale con la finestra aperta per farlo sentire nel suo ambiente, per quanto le era possibile.
Erano ormai passati vari mesi, e il passerotto era guarito, ma la bambina si era affezionata, invece il passerotto da parte sua non vedeva l’ora di tornare in libertà.
Ogni giorno la mamma diceva alla bambina che era ora di rimettere l’uccellino in libertà, ed ogni giorno la bambina, rispondeva; domani!!!
Una bella mattina di sole, la mamma chiamò la bambina, le fece un discorsetto, le disse che i passerotti sono animali del cielo, sono animali liberi, e che tenerli nella gabbietta, rischiava di trovarlo morto, la bambina con le lacrime agli occhi, prese la gabbietta la mise sul davanzale, aprì la porticina della gabbietta e…
Il passerotto guardava quei lacrimoni scendere dal viso della bambina, e così si accorse che quella bambina era stata una “mamma” per lui, lo aveva accudito, curato, dato da mangiare, ed ora che poteva essere di nuovo libero, non sapeva cosa fare…
Certo erano stati mesi difficili, ma era stato molto bene, non si doveva preoccupare né di cibo, nè di acqua, di dove trovare un riparo dalla pioggia e dai rapaci che piombavano frequentemente su di lui, e quante volte era riuscito a scappare, ma quella era la sua natura!
La bimba lo guardò e a malin cuore, capì!! Lo preso nelle sua mani, gli diede un grosso bacio sulla testolina e con le mani giunte ma aperte gli fece capire che poteva andare, e che lei sarebbe stata felice.
Così il passerotto fece, spiccò il volo, girandosi una volta sola guardando la sua gabbietta d’oro, e volando verso il sole che tramontava cinguettò per ringraziare la bambina, e piano piano il passerotto non si vide più, era tornato a vivere!!




Voglio proporvi "L'ANGOLO della SCRITTURA" dopo aver letto il mio piccolo racconto vi chiedo: COS'É LA VITA PER TE?

  1. Cominciamo oggi 06/04 e finiamo il 06/05
  2. il racconto per me più bello riceverà un regalo, che manterrò segreto fino a pochi giorni dal termine. 
  3. lasciate la vostra mail se non avete il blog
  4. potete parteciapre anche voi senza un blog
  5. prelevate la prima immagine
  6. linkate il mio blog

Grazie di cuore







Domenica 08 aprile è la Santa Pasqua, il giorno più importante per il Cristiano non come si può pensare possa essere il Natale, sapete perchè?
Perchè il venerdì Santo Gesù muore e morendo porta con sè tutti i nostri peccati, tutto il male, e Lui muore per salvarci dal peccato ma il giorno di Pasqua Gesù Risorge a nuova vita, perchè ha sconfitto il MALE!!! 
Gesù è l'amore, è la luce e le donne andate al sepolcro sono state le prime a vedere la sua tomba vuota, le donne per Gesù sono molto importanti.
La colomba è il simbolo della pace, quella colomba che Noè fece varie volte volare alla ricerca della terra, e un bel giorno tornò proprio con un ramoscello di Ulivo, allora capì che le acque si stavano ritirando... 

VI AUGURO UNA SANTA PASQUA RIGENERANTE NELLO SPIRITO E NEL CORPO... non mangiate troppo... 

5 commenti:

  1. Grazie..davvero un bel post!Auguri di cuore anche a te!

    RispondiElimina
  2. Carissimi auguri anche a te di una Pasqua gioiosa e serena. Un abbraccio. Matilde

    RispondiElimina
  3. Buona Pasqua anche a te.....(mi raccomando anche io: di non mangiare trooppooo!!!!) Un bacio a presto SaraT

    RispondiElimina
  4. Ti giungano i miei più sentiti auguri di una felice e serena Pasqua.

    RispondiElimina

L'arte non imita, interpreta.
Carlo Dossi